MERCATO

VIBONESE, arriva Spina: la nota del club

01.09.2020 18:38

 

La Vibonese ha chiuso l'accordo per il trequartsita Marco Spina, nato a Mileto, cresciuto nel vivaio della Reggina e successivamente approdato alla SPAL.

Di seguito la nota del club rossoblù:

L’U.S. Vibonese Calcio comunica di essersi assicurata le prestazioni sportive, a titolo definitivo dalla Spal, del trequartista, classe 2000, Marco Spina, vibonese doc, essendo nato e cresciuto nella vicina Mileto. Tra i migliori talenti in circolazione, dal fisico brevilineo, Marco Spina è dotato di buon dribbling, veloce e sgusciante e dal variegato bagaglio tecnico sia in fase di costruzione che finalizzazione. Marco Spina, professione trequartista ma all’occorrenza anche seconda punta, rappresenta un acquisto importante sia in termini attuali che di prospettiva per il club del presidente Caffo che ha voluto fortemente il calciatore tanto da portare avanti direttamente la trattativa con il club ferrarese. Espletate le formalità burocratiche Marco Spina si metterà a disposizione dello staff tecnico e dei suoi nuovi compagni, nel ritiro di Lorica.

Pippo Caffo. “Riportiamo a Vibo un figlio di questa terra che, seppur giovanissimo, ha saputo attirare su di se l’attenzione dei club più prestigiosi di Italia con prestazioni sopra le righe nei maggiori tornei di calcio giovanili tanto da regalarsi diverse convocazioni in prima squadra tra i campioni di Serie A. Per noi è un’operazione importante che abbiamo voluto fortemente per sottolineare il nuovo corso della Vibonese: giovane, di qualità e con un forte senso d’appartenenza”.

La carriera. Marco Spina ha iniziato la sua carriera nella Reggina, dove è giunto all’età di 9 anni. Nel 2016 il trasferimento in Liguria alla Virtus Entella, quindi l’approdo tra le fila della Primavera della Spal, ottenendo diverse convocazioni in Seria A con la prima squadra al fianco dei conterranei Floccari e Missiroli, ed il successivo spostamento al Gozzano prima del rientro nella sua Calabria con la maglia della Vibonese.

BARI, Bolzoni e Nannini al Lecco: la nota